Pargolo Lyrics

G Pillola Lyrics

You are viewing Pargolo Lyrics - G Pillola

Pargolo song lyrics are written by G Pillola

Complete information about Pargolo lyrics

Selected song name: Pargolo
Singer Name: G Pillola
Lyrics written by: G Pillola

You can see all the lyrics of G Pillola songs at rare-lyrics.com






Ah, Bresh, yeah
Wow


Scambio il mondo con una foto a grandangolo
Il fotografo era un pargolo
Coi pollici e con gli indici forma un rettangolo
Inquadra ciò che gli appare davanti
Gli uomini un po' sparsi, un metropolis
Di città, fiumi, pianure e sa**i
Suggestionato dall'aspetto
Si lascia abbindolare a ciò che a prima vista gli appare perfetto
Solo più tardi scopre che non è così, ha sbagliato
Ma era troppo tardi e quando lo scopre ed è tutto e già fregato
Non gli frega più di tanto degli errori
Anzi li ripete, non ha paranoie, guarda la parete
Disegna sul muro un grifone e in testa una corona
La mamma lo vede e gli urla:
"Cosa hai fatto?!", poi perdona
Eccola qua la bella vita di un pargolo
Più pura di un diamante uscito dal taglio dell'orafo
Più ingenuo di un insetto che saluto un rospo: "Oh!"
Con la scimmia che si chiama Scopro dentro lo zaino

Ora non riesco neanche a prendermi solo un caffè
Ma so che non lo dimentico
Forse sono gli anni più belli
Dove se pensi sbagli
E te ne freghi come il mare d'inverno
Ora non riesco neanche a prendermi solo un caffè
Ma so che non lo dimentico
Forse sono gli anni più belli
Dove se pensi sbagli
E te ne freghi come il mare d'inverno


Prova a guardare il mondo con gli occhi di un pargolo
Ti accorgi che è più semplice da grande, non potevi amarlo
E sono stato un bimbo anch'io
Le attenzioni rivolte a cose più semplici
Pensa che adesso cerco Dio
Quando sei piccolo non pensi ai problemi:
Il pallone, il calcio, gli amici, le figurine, il mare ed il gelato
Ma poi crescendo sei costretto a cambiare i tuoi schemi
L'ansia per i soldi, poi chissà, "Sarò mai laureato?"
E tutte le volte che trovo me stesso faccia all'angolo
Penso sarebbe stato più facile essere un pargolo
Vivere nell'insicurezza e nell'ingenuità
Penso alle volte che adesso mi trovo i problemi addosso
Fuori da un bar
Diverrò grande insieme a tutti i miei errori, paziente
Dai quali spero forse imparerò, si intende
Spiccherò il volo in mezzo alla gente
Ma quando guarderò lo specchio
Vorrei vedere un bimbo per sempre

Ora non riesco neanche a prendermi solo un caffè
Ma so che non lo dimentico
Forse sono gli anni più belli
Dove se pensi sbagli
E te ne freghi come il mare d'inverno
Ora non riesco neanche a prendermi solo un caffè
Ma so che non lo dimentico
Forse sono gli anni più belli
Dove se pensi sbagli
E te ne freghi come il mare d'inverno